DAL TRIBUNALE DI UDINE UNA SVOLTA DECISIVA SU CLAUSOLE RISCHIO CAMBIO, USURA, TASSO LEASING E SCRITTURE DI RINEGOZIAZIONE

Con sentenza dello scorso 23 agosto, il Tribunale di Udine accoglie la linea dello Studio su più versanti. La clausola rischio cambio non è un derivato. La difformità fra tasso leasing indicato e applicato non viola il TUB. L’usura non può essere individuata né tramite la teoria del contagio né con lo scenario “worst case”. Novità anche sulle clausole di rinuncia al pregresso versato.

Il solco era stato tracciato pochi mesi fa dalla Corte di Cassazione, con sentenza 4659 del 22 febbraio 2021, accogliendo la miglior dottrina in materia dei leasing indicizzati alla valuta estera, tema controverso e da tempo dibattuto.

Leggi tutto

ESG, LA DISTANZA FRA TEORIA E PRATICA – COSA INSEGNANO I DATI SULLE POLITICHE VERDI

Dopo l’iniziale ondata di ottimismo per l’adozione delle politiche ESG (Environmental, Social and Governance), è tempo di fare i conti con alcuni dati concreti non incoraggianti.
Nel settore della mobilità elettrica, ad esempio, bisogna tener presente che le materie prime per le batterie vengono estratte per lo più in nazioni non propriamente rispettose dei diritti umani; o che in Germania, patria dell’auto, più di metà dell’elettricità proviene da combustibili fossili.

Leggi tutto

UNA RIVOLUZIONE NELLE REGOLE DI NAVIGAZIONE – LE NUOVE LINEE GUIDA DEL GARANTE SU COOKIES E TRACCIAMENTO

Hanno tempo fino ai primi dieci giorni del 2022 i titolari di siti e servizi web per adeguarsi alle nuove linee guida sull’utilizzo dei cookies e degli altri sistemi di tracciamento. Emanate in giugno dal Garante della Privacy, queste linee guida sono state pubblicate in Gazzetta Ufficiale lo scorso 9 luglio e risultano molto rigorose nell’individuare nuovi parametri per il rilascio del consenso volto all’utilizzo di cookies di profilazione nonché di altri sistemi di tracciamento.

La rubrica “Ferri del mestiere” su Milano Finanza analizza le principali novità del provvedimento, con un intervento dell’Avv. Franco Estrangeros, Socio dello Studio ed esperto nell’ambito della privacy. Ad esempio, per effetto delle nuove norme, i siti dovranno essere impostati di default per lo scaricamento di cookie tecnici (che ne consentono il funzionamento) senza però poter più ricorrere al cosiddetto cookies wall, che inibisce l’accesso all’utente qualora non approvi lo scaricamento di cookies commerciali. Per garantire un consenso esplicito e inequivoco, non sarà più permessa nemmeno la presenza di una casella di autorizzazione preselezionata, che lascia all’utente l’incombenza di negare il consenso “deflaggando” la casella stessa.
Leggi tutto

QUANTO VALE UN DATO? TRE PROSPETTIVE PER CAPIRE I NUOVI SCENARI DELLA PRIVACY

Su Privacy&, un editoriale di Emilio Girino e Franco Estrangeros analizza il concetto di dato personale e la sua commerciabilità, alla luce della delibera del Consiglio di Stato riguardo alla pretesa gratuità dei social. Una guida per comprendere la legislazione e difendersi da derive patologiche.

“Se non stai pagando un prodotto, allora il prodotto sei tu” è un vecchio slogan su cui s’impernia il film The Social Dilemma. Sulla pseudo-gratuità dell’adesione alle piattaforme online si sono concentrate nel gennaio dell’anno scorso sentenze del TAR del Lazio specificamente relative a Facebook, confermate nel marzo di quest’anno da una pronuncia del Consiglio di Stato.

Leggi tutto

IL GOVERNO DEVE SEGUIRE LA DIRETTIVA UE SUL DIRITTO D’AUTORE IN AMBIENTE DIGITALE – GUSTAVO GHIDINI SUL CORRIERE DELLA SERA

Fra pochi giorni Palazzo Chigi recepirà la direttiva Ue che limiterà la ripresa gratuita di articoli sulle grandi piattaforme online. Sul quotidiano milanese, il Prof. Ghidini spiega perché la direttiva va applicata senza approssimazioni.

Mancano pochi giorni all’esame della bozza di decreto con cui il Consiglio dei Ministri recepirà la direttiva Ue (790/2019) sul diritto d’autore in ambiente digitale. Si tratta di una bozza solida che meriterebbe di venire approvata “senza contaminazioni né annacquamenti”, scrive il Fondatore dello Studio, Prof. Gustavo Ghidini, in un articolo sul Corriere della Sera composto a quattro mani con la Prof. Valeria Falce, Jean Monnet Professor in Eu Innovation Policy.

Leggi tutto

DECRETO SOSTEGNI BIS. IN GAZZETTA UFFICIALE LE NOVITÀ IN MATERIA DI RIMBORSO ANTICIPATO DEI FINANZIAMENTI

Ecco cosa cambia nel Testo Unico Bancario.

Lo scorso 24 luglio è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del Decreto Legge n.73/2021, il cosiddetto “Sostegni Bis”. Tale provvedimento si segnala per alcuni interventi di modifica al TUB che meritano particolare attenzione. I dettagli sono consultabili nella flashnote approntata dallo Studio e consultabile cliccando qui.

Le novità vertono sui casi di rimborso anticipato dei finanziamenti, recependo – per il futuro – i principi espressi dalla nota sentenza “Lexitor” emanata dalla Corte di Giustizia Europea l’11 settembre 2019. Di particolare interesse anche la previsione di un diritto di regresso del finanziatore nei confronti dell’intermediario del credito quanto alla quota dell’importo relativo al compenso per intermediazione rimborsata al consumatore.

Leggi tutto

PNRR, APPALTI E COMMISSARI: LA VIA EMERGENZIALE INTRAPRESA DAL GOVERNO

Se l’imperativo è impiegare in maniera rapida ed efficace i fondi del piano Next Generation EU, rispettando scadenze inderogabili, il pericolo è che quest’opportunità finisca per smarrirsi nel consueto labirinto burocratico: come è accaduto al codice degli appalti, che risale al 2016 ma il cui regolamento è ancora in attesa di approvazione. Il rischio concreto è che ritardi decisionali facciano tornare al mittente i fondi allocati nel Pnrr.

Per questo il Governo è corso ai ripari preventivamente, con accorgimenti legali che consentano di snellire le procedure degli appalti e vincere eventuali resistenze: da un lato con gli articoli 12 e 13 del Decreto Semplificazioni, che facilita la messa in mora degli enti inadempienti ricorrendo alla misura estrema del commissariamento; dall’altro rispolverando, nel ddl delega, il regio decreto 1054 del 1924, che consente di accentrare la potestà propositiva nel Consiglio di Stato (saltando così la fase consultiva) nel Ministero delle Infrastrutture e nello stesso Presidente del Consiglio.

Leggi tutto

SUPERAMENTO DEI LIMITI DI FINANZIABILITÀ: UNA SENTENZA ESCLUDE LA NULLITÀ TOTALE DEL MUTUO FONDIARIO

Con sentenza del 30 giugno, la Corte d’Appello di Firenze ha accolto la linea difensiva dello Studio, rappresentato nella circostanza dall’Avvocato Emilio Girino, risolvendo il tema della nullità del mutuo fondiario provocata dall’articolo 38 del Testo Unico Bancario.

Il superamento del limite massimo di finanziabilità previsto dall’articolo 38 TUB non provoca la nullità del mutuo fondiario ma la sua conversione a mutuo ipotecario ordinario.

Questa conclusione di ampio respiro può essere tratta da una recentissima pronuncia della Corte di Appello di Firenze, che risolve il tema delle conseguenze della declaratoria di nullità del mutuo per superamento dei limiti di finanziabilità. Pochi giorni fa, la Corte d’Appello ha infatti emanato una sentenza che accoglie la linea dello Studio – intervenuto in secondo grado di giudizio e rappresentato dall’Avv. Emilio Girino – contro una sentenza del Tribunale di Siena, che in primo grado si era attenuto alla soluzione della nullità radicale del rapporto riconoscendo al debitore un danno pari al valore capitale del mutuo.

Leggi tutto

BANCA D’ITALIA, ARRIVA LA CARTA DEGLI INVESTIMENTI SOSTENIBILI

È stato appena pubblicato un nuovo documento programmatico su come la Banca d’Italia intende considerare i rischi relativi all’ambiente e le ricadute sociali nelle proprie analisi e nelle future strategie di investimento.

Lo scorso 5 luglio la Banca d’Italia ha pubblicato una “Carta degli Investimenti sostenibili”, che contiene i principii cui intende adeguare la propria politica di investimenti. Il documento è imperniato su tre impegni fondamentali: la promozione della sostenibilità economica a lungo termine, l’integrazione dei criteri Esg nell’allocazione degli investimenti, l’elaborazione di pubbliche informazioni e analisi sulla finanza sostenibile.

Leggi tutto

ANCHE LA PRIVACY ENTRA TRA GLI INDICI ESG: È TEMPO DI UN APPROCCIO SOSTENIBILE

Lo scorso 21 giugno gli organi di vigilanza e controllo in ambito europeo in materia di privacy (Edpb ed Edps) hanno congiuntamente espresso dissenso all’utilizzo di applicazioni che consentano, tramite l’Intelligenza Artificiale, il riconoscimento facciale in spazi pubblici. Secondo la vigilanza europea, tale pratica potrebbe causare forme di discriminazione, contrariamente a quanto previsto dal piano Esg (Environmental, Social, Governance) per l’economia sostenibile.

Leggi tutto

ONLINE IL NUOVO NEWSLATOR: CONCORRENZA SLEALE, CESSIONE DEI CREDITI IN BLOCCO, CASO LEXITOR E TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

È disponibile da oggi il nuovo numero di Newslator, il bollettino di informazione e aggiornamento legale pubblicato dallo Studio Ghidini, Girino & Associati per guidare il pubblico attraverso le nuove normative e l’evoluzione della giurisprudenza.

Gli articoli del secondo numero del 2021 di Newslator sono dedicati alla concorrenza sleale online nell’ambito del webadvertising; alla recente Ordinanza della Cassazione riguardo alle implicazioni della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dell’avviso in cessione dei crediti in blocco; agli sviluppi giurisprudenziali in materia di applicazione nel nostro ordinamento giuridico della sentenza emessa dalla Corte di Giustizia UE sul caso Lexitor, che fa inerire la riduzione del costo totale del credito in caso di estinzione anticipata anche ai costi preliminari alla sua concessione; e infine al pronunciamento della Corte di Cassazione in materia di liceità del trattamento automatizzato di dati personali per scopi di social scoring.

Leggi tutto

GLI EFFETTI COLLATERALI DELLA MINIMUM GLOBAL TAX – COSA RISCHIANO LE IMPRESE

Pare avere riscosso plauso unanime l’accordo raggiunto in giugno dal G7 in Cornovaglia, relativo all’introduzione di una minimum global tax basata su due pilastri: una tassazione minima globale con un’aliquota al 15% e una doppia soglia di calcolo della base imponibile. In vista di un prossimo passaggio al G20 di Venezia in luglio, restano tuttavia alcuni ostacoli che appaiono difficilmente sormontabili: la necessità di trovare un accordo fra 139 Paesi, un criterio di bilancio universale per il calcolo dell’utile, la resistenza dei paradisi fiscali che proporrebbero aliquote ridotte a un decimo o addirittura un trentesimo rispetto a quanto ventilato.

Nella rubrica “Considerazioni inattuali” su Milano Finanza, Emilio Girino presenta un esempio specifico di come funzionerebbe la minimum global tax, ma soprattutto mette in luce tre possibili ricadute per le imprese.

Leggi tutto

OLTRE LA GREEN ECONOMY: COSA CAMBIA CON LE NORME ESG PER AZIENDE E INVESTITORI

È iniziata ormai da tre mesi l’era dell’economia sostenibile, sintetizzata dall’acronimo Esg: Environmental, Social and Governance. Dal 10 marzo 2021 infatti gli investitori – consultando la documentazione di offerta dei prodotti da parte degli intermediari – devono poter conoscere il loro approccio ai rischi di sostenibilità, secondo i dettami del Regolamento Ue 2088/2019.

Il criterio per favorire la transizione all’economia sostenibile è quello di chiarire se un evento o una condizione di tipo ambientale, sociale o di governance possa provocare un impatto negativo, anche potenziale, sul valore dell’investimento. Ad esempio l’effettiva applicazione delle norme relative a privacy e antiriciclaggio, talora avvertita dalle imprese come un appesantimento burocratico fine a se stesso, è diventato un imprescindibile punto di partenza per chi deve decidere se effettuare un investimento.

Leggi tutto

LIBERARE I BREVETTI SUI VACCINI? SI PUÒ: CON UN DECRETO

In un’intervista concessa a Milano Finanza, il Prof. Gustavo Ghidini propone l’espropriazione dell’utilizzo (e non del brevetto in sé) come soluzione per garantire sia l’interesse dell’Italia sia i diritti delle case farmaceutiche.

“Nel quadro attuale, il grande assente è un’industria nazionale dei vaccini”, spiega il Prof. Gustavo Ghidini, Fondatore dello Studio, Senior Professor all’Università LUISS e Professore Emerito di Diritto Industriale all’Università Statale di Milano, intervistato da Andrea Boeris su Milano Finanza.

Leggi tutto

TRE PUNTI PER RIPARTIRE NEL DOPO-VIRUS: SU MILANO FINANZA LE EREDITÀ ECONOMICHE DELLA PANDEMIA

Lo scorso 12 maggio il capo Servizio stabilità finanziaria della Banca d’Italia, Alessio De Vincenzo, ha firmato uno studio sulle conseguenze economiche della pandemia, tratteggiando un ritratto che non collima appieno con le previsioni iniziali. Il Covid ha infatti colpito in maniera non uniforme – il trauma complessivamente più intenso è accusato dalle pmi del Sud Italia – e la dilazione di buona parte del debito ha generato significative riserve di liquidità, assestando il valore reale di leva ai livelli di prima della pandemia.

Leggi tutto

QUESTIONE DI PRIVACY O PRATICA COMMERCIALE SCORRETTA? LA SANZIONE DI AGCM A FACEBOOK

L’Agcm ha sanzionato Facebook per l’adozione di una pratica scorretta: indurre gli utenti a iscriversi al social network con la promessa di gratuità delle prestazioni, senza però fornire adeguate informazioni sull’utilizzo dei loro dati personali, anche a fini di profilazione commerciale. Il Consiglio di Stato ha confermato la sostanziale correttezza della sanzione sulla scorta della considerazione che – per quanto il trattamento dei dati personali sia materia per il Garante della Privacy – la pratica di Facebook influisce sulla correttezza della comunicazione in quanto operatore commerciale.

Leggi tutto

DISAGI O DISSERVIZI? IL PUNTO SULLA DIATRIBA FRA ANTITRUST E CONCESSIONARIA AUTOSTRADALE

Disagi o disservizi? Il punto sulla diatriba fra Antitrust e concessionaria autostradale

L’Autorità Antitrust (Agcm) ha inflitto alla concessionaria autostradale Aspi una multa da cinque milioni di euro per avere causato, tramite l’apertura di numerosi cantieri su varie tratte autostradali, quelli che sono stati definiti dei veri e propri disservizi.

Leggi tutto

PIATTAFORME SOCIAL VS. REGOLATORI: LE NUOVE GUERRE DIGITALI

Su Privacy&, un approfondito editoriale di Emilio Girino e Franco Estrangeros spiega che dietro le dispute sui termini di servizio delle piattaforme social si cela una guerra fra l’oligopolio della rete e i regolatori. I clienti non sono il nemico, ma solo le prede: in gioco c’è la nostra libertà.

Se siamo al centro di una guerra digitale, è necessario comprendere chi la sta combattendo, per quale motivo e qual è la posta in palio. È alla luce di questo contesto generale che va letta la (esagerata) querelle sulla modifica dei termini di servizio e dell’informativa privacy di WhatsApp, apparsa in gennaio sui nostri cellulari causando l’immediata reazione del Garante della privacy – anche se la questione, come spiegato poi dal network, avrebbe riguardato solo la clientela corporate e non sarebbe stata applicata in Europa. Il rinvio attuativo di tali modifiche, a suo tempo disposto dal social, è peraltro scaduto lo scorso 15 maggio.

Leggi tutto

TROPPA LIQUIDITÀ METTE A RISCHIO IL SISTEMA CREDITIZIO? UNA PROPOSTA SU MILANO FINANZA

La troppa liquidità depositata dagli italiani finisce per danneggiare le banche. Gli ultimi dati Abi parlano di 1.746 miliardi di euro giacenti sui conti correnti di famiglie e imprese, con le banche che devono ridepositare questa considerevole liquidità in Bce scontando un tasso negativo dello 0,5%.

Nelle ultime settimane è scoppiata una polemica riguardo agli stratagemmi con cui le banche cercherebbero di far pesare il costo sui correntisti, almeno per quel che riguarda le imprese; ma la questione è di più ampio raggio e potrebbe condurre a uno scenario senza precedenti nella finanza. Se infatti un tempo lasciare una banca poteva risultare difficoltoso, oggi potrebbe essere agevolata l’uscita dei clienti con troppa liquidità sui conti.

Leggi tutto

IL NUOVO PIANO CONSOB DELLE ATTIVITÀ DI REGOLAZIONE PER IL 2021

L’Autorità ha pubblicato il 6 maggio il piano delle attività di regolazione programmate per il 2021, che contiene rilevanti novità in tema di adeguamento alla disciplina comunitaria sui diritti degli azionisti delle società quotate, sulle norme antiriciclaggio e su vari altri aspetti dell’attività finanziaria.

Lo scorso 6 maggio la Consob ha pubblicato il piano delle attività di regolazione per il 2021.  Il piano contiene l’indicazione non vincolante delle attività in programma per l’anno corrente per l’adozione degli atti di regolazione digitale e per la revisione di quelli già in vigore, come previsto dalla delibera n. 19654 del 5 luglio 2016.

Leggi tutto