DISAGI O DISSERVIZI? IL PUNTO SULLA DIATRIBA FRA ANTITRUST E CONCESSIONARIA AUTOSTRADALE

Disagi o disservizi? Il punto sulla diatriba fra Antitrust e concessionaria autostradale

L’Autorità Antitrust (Agcm) ha inflitto alla concessionaria autostradale Aspi una multa da cinque milioni di euro per avere causato, tramite l’apertura di numerosi cantieri su varie tratte autostradali, quelli che sono stati definiti dei veri e propri disservizi.

Non è dunque solo questione di svincoli chiusi e rallentamento dei tempi di percorrenza: l’Antitrust ha ritenuto che le condotte di ASPI costituissero delle pratiche commerciali scorrette. La concessionaria si è tuttavia dichiarata intenzionata a portare il contenzioso innanzi al Tar.

Marta Ghezzi mette in evidenza i punti chiave della contestazione avanzata dall’Antitrust nella rubrica “I ferri del mestiere”, su Milano Finanza.

“Le condotte di Aspi sono state sanzionate perché ritenute in contrasto con gli obblighi assunti al momento dell’attribuzione della concessione”, spiega l’Avv. Ghezzi. “Dal caso si possono trarre alcuni insegnamenti: non ottemperare a una concessione pubblica può comportare anche una pratica commerciale scorretta, se l’inadempimento danneggia i consumatori; i consumatori vanno sempre adeguatamente informati di eventuali disservizi e hanno diritto almeno a uno sconto; anche dello sconto, infine, va data chiara e adeguata informazione”.

A seguito della pubblicazione della notizia, ASPI ha precisato, con una successiva nota, di aver assunto numerose iniziative, seppur non dovute, a tutela dei consumatori.

Il testo integrale dell’articolo è disponibile cliccando qui.

Sul nostro Sito è infine possibile consultare l’intera raccolta della rubrica “Ferri del mestiere” dal 2010 a oggi.

I Professionisti dello Studio Ghidini Girino e Associati sono chiamati quali relatori di convegni, rendono opinioni su problematiche giuridiche, economiche e finanziarie su primari quotidiani nazionali e su emittenti televisive specializzate.