SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE E TRANSITION BOND: EFFETTI E PROBLEMI PER LE IMPRESE

L’acronimo è ESG, che sta per governance della sostenibilità ambientale (Environmental Sustainability Governance). È quella che un tempo si chiamava “responsabilità sociale d’impresa” e significa che le imprese non devono pensare solo al profitto ma anche a limitare l’impatto ecologico, migliorare le condizioni sociali, combattere le discriminazioni, ridurre gli sprechi. Ma la legislazione da sola può essere sufficiente a garantire la transizione ecologica o sarebbe più efficace escogitare incentivi concreti per rendere più sostenibile l’attività delle imprese?

Emilio Girino analizza luci e ombre dei controversi transition bond nella rubrica “Considerazioni inattuali”, su Milano Finanza.

“Una precisa nozione legale di transizione ecologica non esiste”, spiega l’Avv. Girino. “Inoltre, questa opacità comporta il rischio di prassi opportunistiche o strumentali: ad esempio, l’impiego disinvolto del bollino verde per assicurarsi credibilità ecologica senza un ritorno proporzionato per quel che riguarda il contributo ambientale. Se non è chiaro cosa significhi investimento di transizione ecologica, soprattutto, diventa oltremodo complesso sia pretendere sia valutare la coerenza fra il fine dichiarato e quello effettivamente raggiunto”.

Il testo integrale dell’articolo è disponibile cliccando qui

Sul nostro sito è inoltre possibile consultare  l’intera raccolta della rubrica “Considerazioni inattuali”  dal 2009 a oggi.

I Professionisti dello Studio Ghidini Girino e Associati sono chiamati quali relatori di convegni, rendono opinioni su problematiche giuridiche, economiche e finanziarie su primari quotidiani nazionali e su emittenti televisive specializzate.