Negozi di prossimità: come salvarli senza tradire la loro identità

Secondo un rapporto del Parlamento Europeo, le piccole e medie imprese costituiscono il 99% delle imprese nell’Unione, forniscono due terzi dei posti di lavoro nel settore privato e producono più del 50% del pil europeo. Quella innescata dalla pandemia rischia pertanto di diventare una crisi sistemica i cui effetti non si abbatteranno solo su circa 25 milioni di pmi e circa 90 milioni di dipendenti. Le ripercussioni travolgeranno anche lo stile di vita di innumerevoli clienti abituati a fare affidamento sulla presenza delle microimprese: dal fruttivendolo alla macelleria, dalla calzoleria al corniciaio, ossia i cosiddetti esercizi di prossimità la cui solidità è un requisito espressamente indicato dall’articolo 3 del Recovery Fund.

Emilio Girino avanza alcune idee concrete su come salvare gli esercizi di prossimità, senza per questo snaturarli, nella rubrica “Considerazioni inattuali”, su Milano Finanza

“Autorevoli stime predicono la fine degli esercizi di prossimità: uffici striminziti, lavoro agile imposto e perdita di socialità ridurrebbero i centri storici a luoghi verdi, asettici, elettrificati e senza negozi”, spiega l’Avv. Girino. “Serve invece un piano forte e deciso per restituire loro il diritto di vivere e a noi quello di frequentarli di persona o in remoto. Penso ad accordi para-cooperativi comuni, portali-vetrine comuni gestiti dalle associazioni categoriali, sistemi di prezzo capaci di sconfiggere l’e-commerce plurimarca, accordi di scala con emittenti di carte di credito o debito. Né guasterebbe un bonus di prossimità per defiscalizzare completamente gli investimenti volti in queste direzioni”.

Il testo integrale dell’articolo è disponibile cliccando qui .

Sul nostro sito è inoltre possibile consultare l’intera raccolta della rubrica “Considerazioni inattuali” dal 2009 a oggi.

I Professionisti dello Studio Ghidini Girino e Associati sono chiamati quali relatori di convegni, rendono opinioni su problematiche giuridiche, economiche e finanziarie su primari quotidiani nazionali e su emittenti televisive specializzate.